Video-ricetta: Pere in crosta per San Valentino

buon

 

Domani sarà San Valentino, come ogni anno questo giorno si colorerà di rosa, cuori, cioccolatini, baci e abbracci…non sono mai stata un’amante di questa festa non essendo molto romanica, mi è sempre rimasta indigesta!

Però quest’anno ho fatto un eccezione e insieme al mio fidanzato (un po’ timido davanti la telecamera!!!) abbiamo fatto un dolce video, ma non troppo dato che sono delle pere ripiene al formaggio! Non troppo leggera come ricetta, ma molto molto gustosa e, ogni tanto, ci sta!

Mi sono divertita tanto con Gianpaolo a fare questo “dolcetto” un po’ particolare, lui è stato bravissimo, sia a fare la sua meravigliosa brisè senza burro, che sopportarmi in tutti questi giorni passati insieme!

 

scelta

 

Ingredienti:

 

200g di farina bianca

80g di olio evo

70g di acqua

latte per spennellare

succo di mezzo limone

cannella

sale

formaggi a piacere (brie e gorgonzola)

3 pere

un cucchiaio di brandy

mandole e noci a pezzetti

zucchero di canna

 

Per prima cosa bisogna spaccare a metà le pere, rimuovere il torsolo, i semi e la buccia.

Con uno scavino, rimuovere anche un po’ di polpa e metterla da parte.

Spennellare le pere con il succo del limone in modo che non anneriscano e disporle su una placca da forno.

Per la pasta brisè senza burro bisogna unire la farina e il sale all’olio extra vergine di oliva e iniziare ad impastare, aggiungere secondariamente l’acqua poco alla volta fino ad ottenere un palla liscia e omogenea.

Stendere la pasta e ritagliare delle “gocciolone” con cui vanno foderate le pere.

Prima di infornare a 180° per 15-20 minuti, spennellare con il latte e spargere un po’ di zucchero di canna sopra.

Per il ripieno, mischiare la pera, con un goccio di brandi, un pizzico di cannella e i formaggi.

Riempire le pere, spolverare sopra un po’ di mandole e noci tritare, quindi infornarle nuovamente fino a doratura!

 

 

Vi auguriamo un felice San Valentino.

Merenda con la Befana! Biscottini salati al Philadelphia

  • 130
    Kcal
  • befana-4

     

    Ecco un’idea dell’ultimo minuto per il pomeriggio della befana…ma non solo!

    La calza della befana piena di biscottini salati light al formaggio!

     

    befana-7

     

    befana-8

     

    Ho ritagliato e cucito tante calzette di carta velina e le ho riempite con tutte queste leccornie salate e poco caloriche, da mangiare a cuor leggero!! Anzi che proporvi le solite caramelle e cioccolatini vi presento questa alternativa sana e perfetta da realizzare con i vostri bimbi, poi dato che è l’ultima festa cerchiamo di festeggiarla al meglio!!

     

    befana-3

     

    Le calzette le ho riempite di biscottini salati, grissini e un piccolo “crescione” farcito con stracchino, insalata e bastoncini di prosciutto, ma di questo vi metterò la ricetta prestissimo! I miei hanno arricchito la loro calza anche con frittelle di zucchine…

     

    befana-5

     

    I biscottini sono velocissimi da fare e da cuocere, sono quindi perfetti anche per ospiti improvvisi, aperitivi e buffet, come dicevo sono leggerissimi e senza burro!

     

    Ingredienti (per 8 persone)

    - 150 g di farina “00

    - 80 g di Parmigiano o Grana

    - 80 g di Philadelphia light

    - 1 uovo

    - 1 cucchiaino di olio extravergine

    - 1/2 cucchiaino di paprica o altre spezie

    - 1/2 cucchiaino di lievito chimico per pizza

    - sale

     

    befana

     

    Impastare tutti gli ingredienti a mano o in un’impastatrice fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. Stendere la pasta in una sfoglia sottile, ricavarne le varie formine e informare a 180° statico fino a doratura.

    Facili no?! Sono uno tira l’altro!

     

    befana-1

     

    Se volte una versione ancora più golosa farciteli con crema di prosciutto, salmone, tonno o ancora meglio erbette fresche…mmmm

     

    befana-2

     

    Spero che l’idea vi piaccia! Un bacio grande grande Eli

     

    Menù di Natale – Rotolo di verdure

  • 215
    Kcal
  • Finalmente posso farvi vedere questo rotolone di pasta pane farcito, anzi, stra farcito di verdurine!
    Era da tanto che volevo mostrarvelo!
    Secondo me sulla tavola di Natale ci starebbe proprio bene, un piatto leggero, sano e ricchissimo di verdura…
    Ogni tanto mi prende voglia di questi rotoloni buoni sia appena sfornati, caldi fumanti, che freddi di frigo, da divorare alle 11.30 del mattino, dopo aver colorato chili di pasta di zucchero, aver ripulito il lavandino almeno 3 volte e fotografato tutto quello che si è preparato la sera prima!
    Se poi quello che si mette sotto i denti e leggero, poco grasso e gustosissimo ancora meglio!

     

    Pane ripieno

     

    Per la pasta pane (circa 500 g)
    - 25 g di burro
    - 100 ml di acqua
    - 100 ml di latte
    - 1/2 bustina di lievito di birra secco
    - sale q.b.
    - farina “00” q.b.
    - 1 cucchiaio di zucchero

    Per il ripieno
    - 3-4 foglie di verza
    - 2 carciofi
    - funghi champignon
    - 300 g circa di zucca mantovana
    - olive nere denocciolate
    - besciamella fatta con
       – 1/2 l di latte fresco
       – 3-4 cucchiai di farina
       – 1 filo d’olio
       – sale q.b.
       – 1 – 2 cucchiai di Parmigiano Reggiano
    - 50g di Asiago grattugiato
    - mix di erbe aromatiche (vedi link qui)
    - olio, sale e pepe q.b.

     

    Pane ripieno-1


    Procedimento

    Per prima cosa si prepara la pasta pane, come vedete non ho inserito le dosi della farina, poiché si metterà ad occhio.
    Scaldiamo il latte con l’acqua e si aggiungiamo il lievito con un cucchiaio di zucchero, lasciamolo riposare almeno 10 minuti, dopodiché versarlo a filo nell’impastatrice (o in una ciotola se si impasta a mano) insieme al burro tagliato a pezzetti e un po’ di farina.
    Impastiamo aggiungendo farina fino a che il composto non sarà asciutto e omogeneo.
    Lasciamo lievitare in ambiante tiepido fino al raddoppio .

    Intanto prepariamo il ripieno: facciamo rosolare i funghi tagliati a striscioline con un filino (poco!) di olio extravergine e un pizzico di sale. Tagliamo la zucca a cubetti e facciamola ammorbidire in padella con poca acqua, mondiamo e tagliamo a fettine i carciofi e facciamo cuocere anch’essi con un filo d’olio all’aglio e il mix di erbe.
    Lessiamo pochi minuti le foglie di verza, di cui avremo tagliato la parte centrale bianca e facciamo raffreddare tutte le verdure.
    Prepariamo la besciamella, che dovrà essere abbastanza stretta, in una pentola uniamo poco alla volta il latte alla farina, mescolando bene per evitare grumi.
    Mettiamo sul fuoco con un goccino d’olio, il sale e il mix di erbe.
    Quando la crema sarà pronta aggiungiamo i funghi e lasciamo raffreddare girando di tanto in tanto.

    Stendiamo la pasta lievitata in un rettangolo e componiamo il rotolo: spalmiamo circa 3/4 della besciamella, disponiamo le foglie di verza, i carciofi, le olive, l’asiago, il resto della besciamella e in ultimo la zucca. Grattiamo un po’ di pepe nero e arrotoliamo la pasta molto delicatamente, vedrete che sarà pienissimo. Sistemiamo il rotolo su un foglio di carta forno e spennelliamo la superficie con un po’ di uovo battuto o latte, cospargiamo la superficie con semini di sesamo e cuociamolo dentro uno stampo da plum-cake (o pane in cassetta) a 175° statico per circa 45 minuti – 1 ora controllando di tanto in tanto per evitare che si bruci!

     

    Pane ripieno-2

     

    Buon appetito!!

    Baci baci baci

    Elisabetta

    Pasqua e tradizioni: la nostra colazione marchigiana

     

    COLAZIONE DI PASQUA 2011-1

    Casa mia la mattina di Pasqua si riempie di profumi inebrianti, tra pasqualina, pane, torta di foraggio…la tradizione pasquale marchigiana offre vere prelibatezze che non cucinare per la tradizione pasquale è davvero un peccato…di gola!

    Il prete passando a benedire la casa ha trovato la tavola apparecchiata con la migliore tovaglia ricamata a mano, con tanti cibi: le uova sode (in alcuni casi anche colorate), le pizze, il salame, il vino, l’acqua e il pane.

    Sono cose e altre ancora che sono state tradizionalmente fatte benedire per essere utilizzate la mattina di Pasqua per la colazione.

    In alcune zone delle Marche la tradizione della colazione, della mattina di Pasqua, è ancora forte e mette in secondo piano il pranzo.

    Oltre alle vivande benedette, due pietanze popolarissime nell’entroterra marchigiano, si preparano quella mattina.

    La frittata con la mentuccia (in alcune zone è fatta anche con l’acqua benedetta), e la corata d’agnello in padella.

    (http://www.saperesapori.eu/)

    Ovviamente ogni famiglia ha la sua ricetta, che si tramanda di generazione in generazione, ma noi, con una mamma siciliana abbiamo adattato le ricette delle più classiche preparazioni!

    Quest’anno sulla nostra tavola c’erano: Torta di formaggio in cassetta, Frittata alle erbe aromatiche, Pasqualina con biete e spinaci, Insalata di asparagi, Uova di quaglia sode, Segna posto al foraggio, Salame Strolghino, Tagliere di formaggi marchigiani con Casciotta di Urbino e Caciotta di Colfiorito, Noci e Fave fresche in baccello; il tutto accompagnato da un ottimo Verdicchio di Castelli di Jesi.

    IMG_8568COLAZIONE DI PASQUA 2011

    Torta Pasqualina:

    Per realizzare questa torta non abbiamo usato la solita sfoglia, ma una parte dell’impasto della torta di formaggio, la ricetta l trovate a questo link: http://rosijofarecon.blogspot.com/2009/05/pizza-al-formaggio-dalla-tradizione.html

    L’interno era fatto con: - 500g circa di bietoline - 500g circa di spinaci - 250g di ricotta fresca - 100g di Speck - 1 uovo sodo - olio extravergine di oliva - erbe aromatiche - sale

    Per prima cosa si lessano le verdure in acqua salata, una volta cotte si strizzano bene per eliminare l’eccesso d’acqua e si tagliano in piccoli pezzetti; in una boule si impastano le verdure con il resto degli ingredienti. A questo punto si stende una parte di impasto per la pizza lievitato e si fodera lo stampo  facendolo aderire ai bordi della teglia. Si riempie la torta con il ripieno di verdure e si dispone l’uovo sodo al centro. Si chiude la torta con un sottile strato di pasta, si bucherella e si chiude, con l’aiuto di una forchetta, sui bordi.

    In forno a 180° fino a doratura.  La torta è stata cotta nello stampo da crostata antiaderente di Guardini.

    COLAZIONE DI PASQUA 2011-2 COLAZIONE DI PASQUA 2011-3COLAZIONE DI PASQUA 2011-4COLAZIONE DI PASQUA 2011-5 La Torta di formaggio è stata preparata da mia sorella Federica, sempre seguendo questa ricetta: http://rosijofarecon.blogspot.com/2009/05/pizza-al-formaggio-dalla-tradizione.html

    COLAZIONE DI PASQUA 2011-6

    Salamino Strolghino di Terre Ducati COLAZIONE DI PASQUA 2011-7 Segna posto di pane personalizzati con semi di sesamo, pinoli, semi di papavero e di zucca, adagiati su deliziosi fazzoletti “fioriti” piegati a forma di fiore di loto! COLAZIONE DI PASQUA 2011-8  COLAZIONE DI PASQUA 2011-9 Insalata fredda di asparagi lessati, uova di quaglia e fiori di borraggine

    COLAZIONE DI PASQUA 2011-10  COLAZIONE DI PASQUA 2011-11

    Frittata alle erbe aromatiche preparata con: - 3 uova - erbe aromatiche fresche (mentuccia, maggiorana, erba cipollina, origano fresco e finocchietto) - sale - olio extravergine

    COLAZIONE DI PASQUA 2011-12

    Tagliere di formaggi con noci e fave fresche COLAZIONE DI PASQUA 2011-13 Ed ecco che ci siamo gustati COLAZIONE DI PASQUA 2011-15

    Abbiamo trascorso una bellissima giornata, rallegrata anche dal buonumore mia madre che non regge il vino!!

    Spero vi piaccia, un bacione Elisabetta!