Pane soffice con semini

pane soffice con semini

 

Buon pomeriggio, si riparte! Presa una bella e lunga pausa estiva sono tornata in cucina già da qualche giorno e questa prima ricetta di settembre farà da apri bandiera alle altre in archivio, l’autunno per me è magico forse perché ci sono nota o chi lo sa, ma è una delle stagioni che più mi danno pace e voglia di fare! Certo è ancora caldino per pensare già al clima autunnale, ma io già mi ostino a indossare le prime magliette a maniche lunghe!

Quest’estate in verità oltre al lavoro non ho combinato proprio nulla, avevo bisogno di staccare dalla cucina (quella dilettevole) e prendermi il tanto atteso risposo, non per questo però non ho smesso di racimolare idee per l’inverno che spero di portare tutte a termine…

 

Comunque ecco qui la ricetta settembrina di oggi, un pane sofficissimo che quasi faccio difficoltà a chiamarlo pane tanto era morbido, profumato e con un aroma quasi dolciastro che mi ha conquistato subito, in assoluto posso confermare di aver mangiato il miglior pane casereccio della mia vita.

 

In realtà l’artefice della ricetta non sono io, bensì mia sorella Federica che come suo solito butta a casaccio gli ingredienti creando SEMPRE qualcosa di meraviglioso e unico e quando dico sempre, intendo davvero, sempre! Forse dovrebbe aprirsi un blog… eheh

 

pane soffice con semini-001

 

pane soffice con semini-002

 

Ingredienti:

- 200g di grano duro

- 200g di farina nera (io ho usato il mix per pane nero Spadoni)

- 200g di farina di farro

- 200g di farina bianca

- 1/2 mestolo di farina di glutine TiBioNa.it

- 450ml di acqua circa

- sale circa 9g

- 1 1/2 cucchiaino di lievito di birra liofilizzato

- 150g di lievito madre

- 1 cucchiaino di germe di grano

- 3 cucchiai di olio di oliva

- semi oleosi (sesamo, papavero, zucca, girasole, lino …) io ho usato quelli Melandri

 

Il procedimento è semplice:

 

Unite tutte le farine e impastatene la metà con l’acqua, il lievito liofilizzato e la pasta madre (deve essere un impasto molto bagnato).

Una volta che l’impasto risulta omogeneo aggiungete il sale e l’olio, impastate e finite la farina rimanente.
A questo punto il vostro impasto deve risultare liscio, non troppo molle ne troppo duro, ricordate che dovrà comunque essere abbastanza umido.

Lasciate lievitare fino al raddoppio, rovesciatelo su un foglio di carta forno e senza toccarlo guarnitelo a piacere con i semini.

Con il mio forno ho cotto il pane a 200° per i primi 20-30 minuti dopodiché ho abbassato a 160° lasciando uno spiraglio aperto (tutto ventilato).

 

N.B. La dose di acqua è puramente indicativa, un po’ perché ogni farina assorbe l’acqua in modo diverso, un po’ perché mia sorella avendola messa ad occhio ha fatto caso solo alla consistenza dell’impasto!

Commenti (12)

  1. l'acuto mangiatore scrive:

    penso di non aver mai visto un pane cosi bello…..! non oso immaginare che bontò!

  2. Bentornata!! … e complimenti per l’impasto a 4 mani… questo pane è splendido!

  3. Marta scrive:

    Ben ritrovata! Bello e sicuramente buono il pane. Chissà quando mi deciderò a farlo anch’io. Un abbraccio.

  4. bentornata Elisabetta!
    Complimentissimi a Federica e alle sue felici “casuali combinazioni” e a te per aver “reclamizzato” una golosità simile!!!
    Due richieste, però: farina bianca 0 oppure 00? e il germe di grano si trova facilmente?
    Bacioni da estendere a tutta la famiglia =)))

    • Elisabetta scrive:

      Silvia la farina bianca è quella 0, mi sono dimenticata di scriverlo!
      Il germe di grano lo trovi in tutti i negozi bio, costa neanche 2 euro e si usa in mille modi, fa tanto tanto bene!!

      Bacioni anche a te cara!

  5. Giuliana scrive:

    Questo pane è una vera meraviglia, sei stata bravissima, come sempre del resto!!!!

  6. Sara scrive:

    Bellissima ricetta per riprendere alla grande! Salvata tra le preferite insieme ai biscottoni alla zucca…non vedo l’ora di riprovarli. Bravissima come sempre!

  7. Cristina scrive:

    Arte pura il decoro con i semini. Troppo brava !

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>